top of page
  • Andrea Coppola

Bradipo: cosa mangia, dove vive e curiosità sull’animale più lento in natura

Il bradipo è un simpatico mammifero conosciuto per la sua celebre lentezza: ma sappiamo com’è fatto? Alla scoperta dell’animale e delle sue abitudini.



Bradipo, l’animale più lento in natura


Quando in Italia vogliamo etichettare una persona naturalmente lenta, la paragoniamo a un solo animale: il bradipo. Ma al di là degli stereotipi su questo animale, in realtà davvero sappiamo pochissimo su di lui e sulle sue abitudini.

Anche soltanto ponendoci la domanda su dove vive, difficilmente riusciremmo a darci una risposta. Mettiamoci dunque alla scoperta di questo simpatico animale e delle curiosità intorno a lui, al suo habitat naturale e alla sua alimentazione.


Com’è fatto un bradipo: le sue caratteristiche fisiche


Partiamo dal principio: ovvero, quanti di noi sanno esattamente com’è fatto un bradipo? Sicuramente è vero che di foto di questo animale ne abbiamo viste molte, ma non abbiamo contezza ad esempio delle dimensioni di questo mammifero e dei suoi comportamenti. Il bradipo tridattilo – un mammifero di piccole dimensioni – è un animale che raggiunge una lunghezza compresa tra 45 e 65 centimetri.

Questo piccolo e simpatico animaletto può pesare da 2,25 a 5 chili e ha degli arti molto lunghi, sebbene siano altrettanto deboli: le zampe anteriori sono lunghe il doppio rispetto a quelle posteriori. Le sue nove vertebre del collo gli consentono quel tipico movimento che ormai riconosciamo benissimo, ovvero la sua quasi totale rotazione della testa.

I suoi artigli lunghi, compressi, arcuati e incavati, gli consentono poi un’agevole arrampicata sui rami degli alberi, dove praticamente vive tutto il giorno, e soprattutto di difendersi in caso di attacco di qualche predatore. Questi animali sono erbivori e vivono esclusivamente sugli alberi, dormendo qualcosa come 19 ore al giorno. I maschi si riconoscono da una macchia gialla o arancione sul dorso, mentre le femmine hanno due mammelle.

32 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page